Materasso e rete: la guida per fare la scelta giusta – parte 1

Come scegliere il materasso e la rete più adatti alle proprie esigenze?

Materasso e rete garantiscono il corretto sostegno al corpo e incidono notevolmente sulla qualità del sonno, ecco perché è davvero importante fare la scelta giusta.

Un adulto dovrebbe dormire in media almeno 7/8 ore a notte; questo significa che in una vita intera 230 mila ore circa si trascorrono dormendo, per un totale di quasi 26 anni. Il sonno infatti è assolutamente necessario per il recupero psico-fisico di ognuno, permette di rigenerarsi e di riacquistare le energie spese, svolgendo le diverse attività durante il giorno.

Essendo quindi di fondamentale importanza per la nostra salute occorre affidarsi al giusto supporto, studiato in base alle proprie esigenze, per avere il massimo comfort e godere di un buon sonno ristoratore. Svegliarsi di malumore e già stanchi o con la sensazione di non aver dormito abbastanza potrebbe essere infatti un campanello d’allarme e segnalare il ricorso ad un supporto errato. Un materasso di bassa qualità può incidere negativamente sul riposo e causare problemi alla schiena, dolori muscolari, asma, allergie e problemi posturali; ecco perché non bisogna correre ai ripari solo in età adulta, ma scegliere un buon materasso anche per bambini e ragazzi.

In commercio esistono materassi con composizioni interne di diverse tipologie: in memory o poliuretano espanso, in lattice o a molle insacchettate.

Considerando, inoltre, che il materasso accompagnerà il nostro sonno per circa 10 anni, per scegliere quello più corretto, oltre al budget a disposizione e ai propri gusti, è bene tenere presenti le proprie caratteristiche fisiche come peso, altezza, problemi posturali o eventuali dolori a schiena ed arti, temperatura corporea e livello di sudorazione.

Chi ad esempio è in forte sovrappeso dovrebbe preferire modelli a molle insacchettate che sostengono meglio la corporatura o chi tende a soffrire il caldo dovrebbe optare per modelli due stagioni o comunque con un buon sistema di areazione, chi invece ha la tendenza a cambiare spesso posizione durante il sonno potrebbe ad esempio preferire i modelli in lattice o in memory che si adattano alla postura e si adeguano perfettamente ai movimenti.

Per scegliere il modello giusto bisogna considerare:

  • peso, altezza, corporatura;
  • problemi di respirazione, asma, allergie, eccessiva sudorazione;
  • presenza di disturbi del sonno, problemi posturali, lombalgie, dolori articolari, dolori alla schiena, ernie, etc.;
  • particolari abitudini come dormire supini, dormire di lato o cambiare spesso posizione.

 

Articolo preso dal sito www.cosedicasa.com, seguiranno ulteriori approfondimenti.

 

Per avere una consulenza personalizzata e scoprire qual è il sistema letto giusto per te compila il form.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *